Caftano Moda

Caftano – Moda

gucci-reference

Mantello lungo, con o senza maniche. Di origine turca, ha influenzato fin dal XII secolo l’abbigliamento maschile.

Oggi, in Occidente, il termine viene utilizzato anche per particolari spolverini femminili, lunghi, vaporosi e per capi esterni in lino o setaNasce intorno al Seicento avanti Cristo in Persia, lungo fino ai piedi, maniche svasate, scollatura profonda, il caftano porta con sé un’eleganza dal sapore Mediterraneo.

E’ stata una delle figure più leggendarie della moda, Diana Vreeland, a scoprirlo durante un viaggio in Marocco e ad importarlo negli Stati Uniti dando vita ad una serie di articoli che poi hanno conquistato le pagine di Vogue.

Dopo di lei, sarà indossato da donne quali Mariella Agnelli e Jackie Kennedy ma anche dal grande couturier Yves Saint Laurent, addirittura l’ereditiera Barbara Hutton ne possedeva un’intera collezione. Insomma, il caftano in breve tempo diventa un’icona della moda.
Dai mille varianti di colori e modelli, pratico e fresco, adatto a serate mondane, a giornate sulle spiagge o sugli yacht, l’estate 2009 lo saluta come capo cardine del suo guardaroba.
Una donna ‘primitiva’ quella di Pollini che sceglie un caftano dallo scollo a barca, maniche corte e motivi tribali perfetto anche per un giro in città, regina dei fiori per Blumarine con il suo caftano lungo fino ai piedi, color verde acqua, con spacchi laterali e stampa floreale, adatto ad un pomeriggio in piscina o in barca.

Full color e fantasia per il caftano Just Cavalli dal profondo scollo a V.

256ztbdTurchese acceso, invece, lo preferisce Missoni, il suo caftano ha una sola manica molto ampia con decori di paillette; arabeggiante quello proposto da Aigner lungo a coprire i piedi, scollo a V con decori in argento, mentre Alberta Ferretti gli dona un taglio da dea e lo accorcia fino sopra le ginocchia, da indossare con una maxi cintura.

Il colore è l’arancio. Ispirazione hippy per Etro che per il suo caftano gioca con il rosa e l’arancio, lascia le spalle nude e si allaccia dietro la nuca con un girocollo in argento.

Il caftano nato originariamente come tunica per i matrimoni arabi si fa spazio sulle passerelle della moda di quest’anno e non solo come capo da spiaggia o copricostume ma anche per eventi diversi.

Per chi ama un abbigliamento svelto e comodo il caftano è il vestito ideale, per quest’estate è stato proposto sulle passerelle con modelli un po’ diversi dal tradizionale caftano, impreziosito da perline, con nuove fantasie floreali che lo rendono originale e riesce ad essere anche molto elegante. Oltre ai colori sono molti anche i tessuti come cotone, seta o veli di chiffon.

Da alcuni stilisti è stato creato anche in versione corta che si può facilmente abbinare sui jeans. A seconda dell’occasione per cui s’indossa il caftano può abbinarsi a vari accessori come: cappelli di paglia, collane etniche, infradito di cuoio stile etnico e in eventi più importanti anche a scarpe con un po’ di tacco.In spiaggia o in città, di giorno o di sera, il caftano è perfetto per ogni occasione… Basta abbinarlo agli accessori giusti!

Quest’estate poi sarà di gran moda, ne vedremo di tutti i tipi: da quelli lunghi un po’ più romantici a quelli corti e sbarazzini…

Oltre ad essere alla moda, è anche comodo e versatile. Si può abbinare a ballerine o infradito ultrapiatti, ma anche a sandali con zeppe altissime.

Insomma, davvero un indumento irrinunciabile per questa stagione.

Pin It

2 commenti per “Caftano Moda

  1. E perchè non da uomo, come peraltro è in origine?
    Piuttosto che canottiera e bermuda, mi sembra un abbigliamento ben più elegante e fresco.
    Inoltre dissimula bene la pancetta, ed è una eccellente protezione contro le zanzare..
    insomma dove ne trovo uno?

  2. BUONGIORNO, GRADIREI SAPERE IL SITO DOVE POSSSO TROVARE CAFTANI MAROCCHINI PER IL MIO MATRIMONIO QUI IN ITALIA.GRAZIE.
    MONICA

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>